Dracula 3D

(Dracula 3D)Locandina

Regia di Dario Argento

con Thomas Kretschmann (Dracula), Asia Argento (Lucy Westenra), Marta Gastini (Wilhelmina “Mina” Murray), Rutger Hauer (Abraham Van Helsing), Unax Ugalde (Jonathan Harker), Miriam Giovanelli (Tanya), Morgane Slemp [Zoe Aggeliki] (Inga), Augusto Zucchi (Andrej), Maria Cristina Heller (Jarmila), Giuseppe Loconsole (Zoran), Giovanni Franzoni (R. M. Renfield).

PAESE: Spagna, Italia 2012
GENERE: Horror
DURATA: 105’

1800, Transilvania. Il conte Dracula, vampiro millenario, fa incetta di cuori e cadaveri. La giovane Mina, in cerca del marito rapito dal conte, è costretta a chiedere aiuto al professor Van Helsing, l’unico uomo in grado di fronteggiare il mostro…

Vaga, ennesima, agghiacciante (e inutile) trasposizione del romanzo di Bram Stoker, scritta dal regista con Enrique Cerezo, Stefano Piani e Antonio Testori. Fischiato un po’ dappertutto (specialmente a Cannes, dove fu presentato) e disertato nellae sale (500mila euro di incasso contro sei milioni di costi realizzativi), è un brutto film dell’orrore che non fa paura. Passi il basso costo, ma qui a mancare sono le idee. Argento, in crisi creativa da più di un decennio, la tira lunga per un’ora e quaranta con effettacci splatter (di Sergio Stivaletti), dialoghi risibili, attori improponibili, computer grafica a 8 bit (e pensare che è uscito in 3D!); come si faceva negli horror erotici degli anni ottanta, indugia su tette e culi, filma qualche casto amplesso e cerca di dare un alone perverso alla storia. Invano. Tutto fa ridere, se non sghignazzare. Potremmo citare la terrificante dizione di Asia, o la sequenza – già oggetto di culto tra gli amanti del trash – della mantide gigante, o anche soltanto la faccia e i capelli dell’inespressivo Ugalde. Rispetto per l’ uomo che trent’anni fa fece Profondo Rosso, ma commenti come “non ci sono più soldi” o “nessuno mi fa più fare i film che voglio” diventano quanto meno pretestuosi dinnanzi a questo abissale, esplicito, indifendibile vuoto di idee. Se uno ha finito la benzina, di solito, si ferma. Lui no, continua, e va bene, ma poi non si lamenti se la macchina si ferma. L’unico che si salva – con l’esperienza – è il vecchio Rutger, gli altri sembrano un branco di labrador. Girato nel bellissimo ricetto di Candelo (Biella) e nel suggestivo castello di Montalto Dora, Ivrea (TO). Musiche penose di Claudio Simonetti, fotografia atroce, in stile Elisa di Rivombrosa, di Luciano Tovoli. In confronto, Dracula morto e contento sembra Il gabinetto del dottor Caligari. Da perdere con ostinazione.

Voto

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Horror e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Dracula 3D

  1. arpio83 ha detto:

    Argento avrebbe dovuto fermarsi una decina d’anni fa, se non 20. Il fantasma dell’Opera era abbominevole, anche se ancora accettabile (una su tutte la scena iniziale del topo che sogghigna è imbarazzante), per non parlare de Il Cartaio (trama di una banalità impietosa e un cast che si ridoppia da solo con uno stile da quarta elementare…l’unico che si salvava era Muccino…e ho detto tutto).
    Ho avuto la fortuna di conoscere sia Argento che Stivaletti qualche anno fa a una festa privata post-festival. Non descrivo lo stato di Argento che è meglio, ma non è stato di certo bello. Stivaletti aveva appena fatto uscire I tre volti del terrore e devo dire che ho sempre apprezzato lo stile dei suoi effetti speciali “hand made”…qui si è veramente lasciato andare. Il film appare veramente trascurato sotto ogni punto di vista, soprattutto quello creativo. Sinceramente 6 milioni di euro per la realizzazione mi pare uno sproposito, inutile lamentare pochi soldi, esistono film girati con qualche decina di mila euro spesi in maniera molto più intelligente.

  2. Pingback: Dracula 3D | CineWalkOfShame

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...