Larry Flynt – Oltre lo scandalo

(The People vs. Larry Flint)Locandina

Regia di Miloš Forman

con Woody Harrelson (Larry Flynt), Courtney Love (Althea Leasure), Edward Norton (Alan Isaacman), Brett Harrelson (Jimmy Flynt), Donna Hanover (Ruth Carter Stapleton), James Cromwell (Charles Keating), Crispin Glover (Arlo), Vincent Schiavelli (Chester), Miles Chapin (Miles), Richard Paul (Jerry Falwell), Jan Triska (L’attentatore).

PAESE: USA 1996
GENERE: Biografico
DURATA: 129’

Inarrestabile ascesa di Larry Flynt, che fondò la rivista pornografica Hustler e passò la vita dentro e fuori dal carcere, accusato di qualsiasi crimine civile e morale. Nel 1978, vittima di un attentato, rimase paralizzato dalla vita in giù. Negli anni ’90 portò il reverendo conservatore Jerry Falwell davanti alla Corte Suprema, che stabilì che il cattivo gusto non può essere considerato reato.

Prodotto da Oliver Stone, che in un primo momento avrebbe dovuto dirigerlo, è, come sottolinea il titolo originale, una biografia anomala, che al racconto della sfera privata preferisce quello della sfera pubblica, o meglio, “giudiziaria” Il perché è molto semplice. Il personaggio di Flynt serve a Forman per mettere alla berlina il perbenismo americano, per riflettere su una libertà di espressione ancora vacillante, sulla censura imperante e sul dovere di difendere la satira, sempre e comunque. Ne esce un film assai divertente (specialmente quando ricostruisce le bizzarrie che Flynt, puntualmente, architettava davanti a giudici e giurie), intelligente, capace di far riflettere come di commuovere (la storia tra Flynt e Althea raggiunge inaspettati picchi poetici). Furbino in alcune scelte (i passi sgradevoli della vita di Flynt o mancano o non sono approfonditi), moderatamente demagogico in altre, talvolta confuso a livello di scrittura (anche perché mette troppa carne al fuoco), ma riesce nell’obbiettivo, non facile, di aspirare alla parabola di una nazione. Le parti più riuscite sono quelle ambientate tra le mura dei tribunali, forse perché sono quelle che davvero. Grandi interpretazioni di Harrelson e del giovane Norton, un po’ di maniera quella della Love. Il vero Larry Flynt appare nel ruolo di un giudice. Regia fantasiosa, specialmente nei salti temporali e nel parlare di sesso senza mai mostrarlo, azzeccata colonna musicale, che mescola Bedrich Smetana e Richard Wagner, e policroma fotografia da Philippe Rousselot. Scritto da Scott Alexander e Larry Karaszewski, è un film da vedere.

Voto

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 1971 - 2000, Genere Biografico e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...