Snowpiercer

(Snowpiercer)Locandina

Regia di Bong Joon-Ho

con Chris Evans (Curtis), Ed Harris (Wilford), Tilda Swinton (Mason), John Hurt (Gilliam), Jamie Bell (Edgar), Octavia Spencer (Tanya), Song Kang-ho (Namgoong Minsu), Go Ah-sung (Yona Minsu), Ewen Bremner (Andrew), Alison Pill (insegnante).

PAESE: USA 2013
GENERE: Fantascienza
DURATA: 126’

2031. In seguito ad una nuova glaciazione, causata dall’uomo nel tentativo di combattere il riscaldamento globale, i pochi sopravvissuti all’apocalisse vivono sullo snowpiercer, treno rompighiaccio dal moto perpetuo sul quale vige una rigida segregazione sociale che obbliga i poveri a vivere (malissimo) in coda mentre i ricchi se la spassano in testa tra mille agi. Parte una rivolta e i primi iniziano a risalire il treno per arrivare alla locomotiva e al suo costruttore…

Debutto in lingua anglofona per il regista sudcoreano Bong, che adatta (con Kelly Masterson) una serie a fumetti francese dal titolo Le Transperceneige. Ne è uscito uno spettacolare e violentissimo film di sci fi post apocalittica che non somiglia per nulla agli epigoni made in Hollywood. Oltre che per le molteplici riflessioni politiche che si porta dietro – il treno come metafora del mondo: su di esso esistono concetti come la sopraffazione del più debole, la sovrappopolazione, l’equilibrio mondiale, il sistema capitalistico, ecc – il film colpisce per ritmo, disegno dei personaggi, originalità di sceneggiatura e invidiabile talento visivo. Pur non celando parentele illustri col cinema dei popcorn (qualche battaglia ricorda quelle di Matrix), Bong si tiene parecchio distante dai canoni dell’intrattenimento cui siamo abituati: lo dimostrano un profondo distacco nello sguardo (non si riesce ad identificarsi con nessuno dei personaggi) e la rinuncia a qualsivoglia stereotipo, negli sviluppi narrativi come nella rappresentazione di una violenza più suggerita che mostrata ma decisamente scioccante, assai lontana, nella sua miscela di energia e lirismo, da quella patinata e fracassona degli action movie americani (per trovare un film analogo in questo senso bisogna tornare indietro fino a Doomsday, 2008). Film di raro pessimismo, con finale più ambiguo che speranzoso e tocchi grotteschi inaspettati (si veda la tappa nel vagone/classe) che lasciano un disagio profondo. Come ogni orientale che si rispetti, Bong snobba le parole e preferisce affidarsi ai suoni, ai colori, alle sensazioni. Non mancano inverosimiglianze e ripetizioni, ma avercene! Ottimo cast in cui spiccano l’oramai maturo Evans, una diabolica e mefistofelica Swinton e il sempreverde Harris, in un ruolo che ricorda da vicino quello del regista-demiurgo Christof in The Truman Show. Musiche di Marco Beltrami, fotografia (perfetta) di Kyung-Pyo Hong. Le massicce dosi di violenza lo rendono un film non per tutti, ma per gli appassionati di sci fi è una tappa non trascurabile.Voto

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Fantascienza e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Snowpiercer

  1. Ivan ha detto:

    Giuste le tre stellette. Salutato come un capolavoro a mio parere non merita tutti i complimenti che gli sono stati dedicati, anche se rimane come hai lasciato intendere un’opera notevole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...