Pride

(Pride)pride-trailer-e-poster-del-film-vincitore-della-queer-palm-a-cannes-2014-1

Regia di Matthew Warchus

con Ben Schnetzer (Mark Ashton), Paddy Considine (Dai Donovan), Bill Nighy (Cliff), Imelda Staunton (Hefina Headon), Dominic West (Jonathan Blake), Andrew Scott (Gethin Roberts), George MacKay (Joe Copper), Joseph Gilgun (Mike Jackson), Freddie Fox (Jeff Cole), Faye Marsay (Steph), Jessie Cave (Zoe), Monica Dolan (Marion Cooper), Liz White (Margaret Donovan).

PAESE: Gran Bretagna 2014
GENERE: Commedia drammatica
DURATA: 120′

Come, nel 1984, un gruppo di gay e lesbiche londinesi capeggiati dal giovane Mark, iniziò a sostenere i minatori vessati dalle scellerate politiche interne del governo Tatcher…

Scritto da Steven Beresford e diretto dall’esordiente Warchus, il film ripercorre un episodio poco conosciuto della storia inglese, quello del sostegno ai minatori scioperanti (1984-1985) da parte di un piccolo gruppo gay londinese (l’LGSM, appunto). La cosa più incredibile – quanto verissima – della vicenda è che i minatori, nonostante ne condividano la combattività e l’orgoglio della propria appartenenza (sociale per i primi, di genere per i secondi), fanno molta fatica a lasciarsi aiutare dagli omosessuali. Warchus indugia proprio su questo aspetto, ma soltanto per dimostrare quanto poi fu facile mettere da parte la paura del diverso in nome della fratellanza e della solidarietà. E così fu: i minatori aprirono davvero il corteo del gay pride del 1986. Non mancano stereotipi e forzature, ma il film appassiona, coinvolge, diverte. Anzi, diverte molto. Merito di una squadra di attori di prim’ordine, ma anche di una sceneggiatura originale che conosce a menadito i tempi della comicità di qualità. Un film molto inglese, che vanta fra i tanti meriti quello di far conoscere al grande pubblico la figura di Mark Ashton, giovane comunista inglese (ai tempi delle vicende raccontate nel film aveva 24 anni) che morì ad appena 27 anni di AIDS. Film “musicale”, nel senso più ampio del termine: le canzoni creano senso, tratteggiano il concetto di identità nazionale, emozionano. Come dimostra la sequenza in cui i minatori cantano Bread and Roses (canto tradizionale) o quella finale in cui si ode la strepitosa There is a power in a Union di Billy Bragg. Un film che apre il cuore, di quelli che fanno sentire bene durante e dopo la visione. Queer Palm a Cannes. Consigliato.

Voto

 

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Commedia, Genere Drammatico e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Pride

  1. Emilio2899 ha detto:

    Deve essere molto carino, spero di riuscire ad andarlo a vedere. Gli inglesi a volte escono con questi piccoli fatti, come quella divertente commedia inglese We want Sex, che è giusto che vengano conosciuti.
    Andrai a vedere L’amore bugiardo di Fincher e American Sniper di Eastwood? A me sono entrambe piaciuti, un po’ meno il secondo, per questo vorrei leggere una delle tue riflessioni su un film come American Sniper che farà discutere parecchio nei giorni a venire. 🙂

    • nehovistecose ha detto:

      Ciao Emilio! in effetti, guardando Pride mi è proprio venuto in mente We Want Sex, altro bel film inglese che racconta con ironia ma con serietà episodi poco conosciuti…per quanto riguarda i film che mi chiedi, ti comunico che entro stasera sarò online la recensione di American Sniper! grazie 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...