Flight

(Flight)flight-movie-poster-denzel-washington__span

Regia di Robert Zemeckis

con Denzel Washington (Whip Whitaker), Kelly Reilly (Nicole Maggen), Don Cheadle (Hugh Lang), John Goodman (Harling Mays), Bruce Greenwood (Charlie Anderson), Tamara Tunie (Margaret Thomason), Melissa Leo (Ellen Block), Nadine Velazquez (Katerina Marquez), Brian Geraghty (Ken Evans).

PAESE: USA 2012
GENERE: Drammatico
DURATA: 139′

Lo scafato comandante di voli di linea Whip Whitaker riesce, con una manovra impossibile in volo rovesciato, a far atterrare un aereo in totale avaria e a salvare 96 passeggeri su 102. Diventa eroe nazionale, ma quanto ci metteranno gli inquirenti a scoprire che pilotava ubriaco di vodka e strafatto di coca?

Scritto da John Gatins, è il sedicesimo film di Zemeckis, che torna al live action dopo ben 12 anni di sperimentazione digitale (l’ultimo suo film con attori in carne ed ossa è Cast Away, del 2000). Nonostante l’impressionante, sublime, perfetta sequenza dell’incidente, non è ne un film sui disastri aerei ne tanto meno un aftercrash movie; è un film sull’alcolismo e sulla difficoltà degli alcolisti di ammettere il loro problema. A Zemeckis non sembra interessare nemmeno il discorso su una società che crea e decostruisce in tempo zero eroi usa e getta. Piuttosto, si pone interessanti domande: se Whip non fosse stato fatto e bevuto, avrebbe azzardato quella manovra che, oggettivamente, ha poi salvato un centinaio di vite? Le imprese vanno considerate straordinarie per il risultato o per il mezzo attraverso il quale lo si è ottenuto? Poteva uscirne un gran film sui se e sui ma, ma Zemeckis lo proietta verso un finale molto (forse troppo) “americano”, in cui il cattivo diventa buono attraverso la solita redenzione in extremis. Non che sia incoerente rispetto al resto del film, anzi, ma è l’epilogo che ci si aspetta dal minuto 30. Nonostante la maturità artistica raggiunta negli ultimi anni, Zemeckis non osa e si tiene sul politicamente corretto. Un film superiore alla media che coinvolge dall’inizio alla fine, ma che non convince mai davvero fino in fondo. Washington, preso in (apparente) controparte, è perfetto, ma è ottimo tutto il cast. E Zemeckis, nonostante una regia “comune”, si dimostra ancora grande nella direzione degli attori. Musiche del fedele Alan Silvestri.

Voto

 

 

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Drammatico e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Flight

  1. Ivan ha detto:

    Onestanente non definirei comune la regia di Zemeckis. Inoltre Flight è veramente un grande film: moderato e duro. Ed emozionante. Trovi maggiori dettagli sulla mia opinione nel mio blog. Ciao 🙂

  2. Ivan ha detto:

    PS: apprezzo il fatto che sia andato controcorrente! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...