Irrational Man

(Irrational Man)locandina1300

Regia di Woody Allen

con Joaquin Phoenix (Abe Lucas), Emma Stone (Jill Pollard), Parker Posey (Rita Richards), Jamie Blackley (Roy), Betsey Aidem (la madre di Jill), Ethan Phillips (il padre di Jill), Meredith Hagner (Sandy), Ben Rosenfield (Danny), David Aaron Baker (Biff).

PAESE: USA 2015
GENERE: Commedia
DURATA: 96′

Professore di filosofia in crisi esistenziale arriva in un college del Rhode Island. Amareggiato, perennemente in stato d’ebrezza, incapace di fare all’amore, è convinto che il suo lavoro non serva a niente e che gli studenti siano tutti pigri figli di papà. La vicinanza con una di loro gli fa cambiare idea, ma a ridargli la gioia di vivere è in realtà la progettazione di un’azione delittuosa che, secondo lui, renderà il mondo un posto migliore…

Accolto tiepidamente da pubblico e critica, il 45esimo film di Allen è una black comedy che parla di tante cose, prima fra tutte l’impossibilità di far aderire il pensiero filosofico alla realtà. Ma, in perfetto stile Allen (avete presente Crimini e Misfatti?), è anche un film sulla morale, sull’etica, sul rischio che diventino punti di vista soggettivi: se Abe persegue il bene facendo del male, compie un gesto morale o amorale? Se non c’è un Dio a punirci o premiarci, è davvero tutto in mano al caso, e quindi agire non serve a nulla? Il beffardo finale, a tal proposito, è ambiguo: è il caso o il destino a punire il cattivo? In entrambi i casi, non stiamo messi benissimo. Nonostante il lieto fine, infatti, è uno degli Allen più pessimisti del decennio. Dopo il mezzo passo falso di Magic in the Moonlight (che non era solo banale, era pure un po’ noioso), il vecchio Woody ritrova il gusto del racconto, la ricchezza dei temi, il piacere dello sberleffo. E riesce, come pochi altri, a virare il racconto su toni cangianti senza che quasi lo spettatore se ne accorga: si parte in commedia romantica, si passa alla commedia nera, si fa un salto nel giallo e si finisce nel thriller a suspense. Certo, i capolavori sono molto, molto lontani, ma almeno lo spettacolo è godibile fino alla fine, e il messaggio del film è tutt’altro che stereotipato o consolatorio. Grandi prove di Phoenix e soprattutto della Stone, nuova musa del regista che riesce a essere allo stesso tempo dolcissima e sottilmente antipatica. Contributi tecnici di prim’ordine, tra i quali spiccano la fotografia di Darius Khondji e le scenografie di Santo Loquasto. Uno dei pochi film di Allen ambientato in una cittadina di provincia e non in città.

Voto

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Commedia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...