Mia e il leone bianco

(Mia et le lion blanc)

Regia di Gilles de Maistre

con Daniah De Villiers (Mia Owen), Mélanie Laurent (Alice Owen), Langley Kirkwood (John Owen), Ryan Mac Lennan (Mick Owen), Lionel Newton (Kevin), Lillian Dube (Jodie), Brendon Auret (Dirk).

PAESE: Francia, Sudafrica 2019
GENERE: Avventura
DURATA: 98′

Trapiantata con la famiglia da Londra al Sudafrica, dove il padre gestisce un allevamento di leoni, Mia si sente sola e incompresa. L’unico conforto le arriva da un cucciolo di leone bianco, che diventa il suo animale domestico e il suo migliore amico. Passano gli anni, e la bestia crescendo diventa oggetto di preoccupazione da parte del resto della famiglia. Quando Mia scopre che Charlie (questo il nome dato all’animale) sta per essere venduto per diventare il trofeo di qualche ricco cacciatore bianco, fugge con lui verso una riserva protetta.

Prodotta dai francesi di Canal + e da Jacques Perrin, è un’emozionante, struggente, educativa favola di formazione che utilizzata il canovaccio de Il richiamo della foresta per dipingere una bella storia d’amicizia nella diversità che è anche, caso raro per una produzione di questo tipo, un lucido atto d’accusa contro le leggi sudafricane che permettono l’uccisione a scopo ludico delle bestie selvagge e contro i non meno colpevoli turisti occidentali che si divertono con questa pratica agghiacciante. Al netto di una trama non originalissima, il film coinvolge grazie ad una sceneggiatura priva di sentimentalismi e colma di spunti di riflessione decisamente attuali. Una fiaba per tutti che è anche un bell’esempio di cinema impegnato. Senza dimenticare che il modo in cui è stata concepita e realizzata è la prova del fatto che il messaggio animalista che promuove (una ragazza e un leone possono essere amici) ha un fondamento assolutamente reale: le riprese sono durate tre anni – la medesima durata delle vicende mostrate nel film – per permettere all’attrice De Villiers e al leone Thor di crescere insieme. Insomma, pur sotto la supervisione dello zoologo Kevin Richardson, la bambina e la bestia sono diventati amici sul serio. Una sfida impegnativa ma assolutamente vinta. Meravigliosa fotografia di Brenda Barnes.

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Avventura e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...