Gli Incredibili – Una “normale” famiglia di supereroi

(The Incredibles)Locandina

Regia di Brad Bird

PAESE: USA 2004
GENERE: Animazione
DURATA: 111′

Costretti dal governo, tutti i supereroi devono attaccare la maschera al chiodo. Così fanno Bob Parr, già Mister Incredible, e la moglie Helen, alias Elastigirl. I loro tre figli ne hanno ereditato i superpoteri, ma ovviamente non li possono utilizzare. Almeno fino a quando Bob, stanco della vita d’assicuratore e voglioso di nuove avventure “supereroiche”, si mette nei guai accettando di lavorare per un misterioso scienziato che ha costruito un laboratorio modernissimo su un’isoletta in mezzo all’oceano e che sembra stranamente ossessionato proprio dall’ex “incredibile”…

Sesto film della Pixar di John Lasseter, costato – pare – 100 milioni di dollari e quattro anni di lavoro. È anche uno dei più felici, in quanto accosta con garbo divertimento infantile e riflessioni decisamente “adulte”: sotto la scorza del film d’animazione per famiglie, nasconde un treno di spunti decisamente acuti su società USA, carrierismo, capitalismo (Bob è un assicuratore che aiuta i clienti invece che raggirarli, e per questo viene licenziato), nonché un apologo riuscito sul contrasto tra eroe e uomo, tra l’essere “speciali” e l’essere “normali”. Bird, già sceneggiatore e regista de I Simpson, comprende il potere “totale” del disegno animato (o computerizzato che sia) e si diverte a demistificare i luoghi comuni hollywoodiani sui film di supereroi, non disdegnando parentesi politicamente scorrette e sane allusioni erotiche . Ricco di trovate, divertente, ma anche assai originale nelle scelte di regia, colpisce per l’arguzia dell’ambientazione (un’America anni ’60 riveduta e “computerizzata”), per l’uso funzionale delle musiche (di Michael Giacchino, ispirate alle soundtrack dei film di spionaggio di 007), per le continue frecciate all’american way of life. È uno dei film targati Disney più maturo e coerente: il primo a scegliere caratterizzazioni umane (al posto dei “soliti” animali antropomorfi), il primo a concepire un universo in cui esiste (e pesa) il concetto di morte. Bird tiene d’occhio Spielberg, I fantastici quattro e il fumetto Watchmen, ma il suo resta uno dei film d’animazione più freschi ed originali degli ultimi anni. Orribile il doppiaggio italiano di Elastigirl, affidato a Laura Morante, in originale Holly Hunter), ma azzeccatissimo quello di Edna Mode, impagabile sarta dei supereroi che porta la voce Amanda Lear (in originale la voce è dello stesso Bird). Le altre voci sono di Craig T. Nelson/Adalberto Maria Merli (Mr. Incredible), Jason Lee/Christian Iansante (Sindrome), Samuel L. Jackson/Massimo Corvo (Siberius), Sarah Vowell/Alessia Amendola (Violetta). Preceduto nelle sale dal corto L’agnello rimbalzello (Boundin’, diretto da Bud Luckey). Leggermente troppo lungo, ma grande, grandissimo film.

Voto

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Animazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...