Justice League

(Justice League)

Regia di Zach Snyder

con Ben Affleck (Bruce Wayne/Batman), Henry Cavill (Clark Kent/Superman), Gal Gadot (Diana Prince/Wonder Woman), Ezra Miller (Barry Allen/Flash), Jason Momoa (Arthur Curry/Aquaman), Ray Fisher (Victor Stone/Cyborg), Ciaran Hinds (Steppenwolf), Amy Adams (Lois Lane), Jeremy Irons (Alfred Pennyworth), J. K. Simmons (commissario James Gordon), Diane Lane (Martha Kent), Connie Nielsen (Regina Hyppolita), Joe Morton (Silas Stone).

PAESE: USA 2017
GENERE: Fantastico
DURATA: 120′

Il perfido demone Steppenwolf vuole conquistare il mondo utilizzando le tre Scatole Madri, armi potentissime e capaci di sprigionare un’energia devastante. Batman e Wonder Woman corrono ai ripari cercando di mettere insieme una squadra che lo affronti, ma nonostante l’aiuto di Flash, Aquaman e Cyborg sembrano destinati a soccombere. Se non fosse che a Bruce Wayne viene la pazza idea di provare a resuscitare il buon Superman…

Quinto film del franchise DC, nato in risposta all’immenso successo della concorrente Marvel (proprietà Disney). Ennesimo fallimento, ennesima (sonora) sconfitta: il film che doveva riunire i grandi supereroi DC non è paragonabile al meno riuscito dei prodotti Marvel. Qualche difetto: nessun aggancio con la società odierna né con l’attualità, sceneggiatura sbrindellata e spesso priva di logica, personaggi profondi come una bacinella e una serie di parentesi comiche che non fanno ridere e vorrebbero – non ci si spiega davvero come – ispirarsi alla verve dei prodotti con protagonisti Iron Man, Thor e compagni. Chris Terrio e Joss Whedon (quest’ultimo responsabile tra le altre cose del primo Avengers) ce la mettono tutta per scrivere una sceneggiatura puerile e per inventarsi un cattivo di rara banalità, mentre Snyder – ancora lui?! – continua ad autoerotizzarsi col suo stile fracassone, compiaciuto e sempre più simile a quello di una pubblicità di profumi. Spiace davvero, soprattutto perché supereroi come Batman, in mano a gente talentuosa come Burton e Nolan, avevano dimostrato di avere ancora molto da dire. Affleck imbarazzante, Cavill ammirevole per come sferza il senso del ridicolo (da apoteosi del trash il suo “ritorno” alla vita), Adams sempre più fuori parte (ma è in buona compagnia: Simmons, Irons, Lane). Le uniche cose che si salvano sono la Gadot, credibile quanto grintosa Wonder Woman, e la scena durante i titoli di coda. Anche un bambino di dieci anni, a questo giro, rischia di sbadigliare.

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Fantastico e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Justice League

  1. Solo io l’ho trovato un classico fumettone senza infamia nè lode? 😀

    P.S. il ritorno di Superman potevano pensarlo meglio ^^”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...