Revenant – Redivivo

(The Revenant)revenant-leo

Regia di Alejandro González Iňárritu

con Leonardo DiCaprio (Hugh Glass), Tom Hardy (Fitzgerald), Domnhall Gleeson (capitano Andrew Henry), Will Poulter (Jim Bridger), Forrest Goodluck (Hawk), Paul Anderson (Anderson), Lukas Haas (Jones), Duane Howard (Elk Dog), Brendan Fletcher (Fryman).

PAESE: USA 2015
GENERE: Western
DURATA: 156′

Nord Dakota, 1823. In fuga dagli indiani Arikara con un gruppo di cacciatori di pelli, il trapper Hugh Glass sopravvive miracolosamente all’attacco di un orso. Dato per spacciato, viene abbandonato dai compagni, ma il desiderio di vendetta – uno dei cacciatori gli ha ucciso il figlio mezzo indiano Pawnee – gli darà la forza per sopravvivere nonostante le ferite e le dure prove cui lo sottoporrà la natura…

revenant-gallery-20-gallery-image

Il settimo film del messicano Iňárritu, da lui scritto con Mark L. Smith, si rifà al libro Revenant di Micheal Punke ed è parzialmente ispirato all’incredibile storia (vera) di Hugh Glass, trapper e cacciatore di pelli che visse a cavallo tra settecento e ottocento. È un film estremo, dolente, talvolta insostenibile, un western intriso di sangue e fango che mescola le suggestioni revisioniste del post-classico (il west sporco e senza eroi ricorda Gli Spietati di Clint Eastwood) con l’ampio respiro tipico dei grandi classici, soprattutto l’ultimo Ford (quello di Sentieri Selvaggi). Come in Birdman, la mobilissima macchina da presa di Iňárritu fiata sui volti dei protagonisti e li tallona da vicinissimo, ma stavolta, spesso, abbandona la terra e vola tra le nubi, li osserva da lontano, piccole macchie che a stento si stagliano sulla maestosa indifferenza della natura. Ma Revenant è molte cose: è una parabola – feroce – sul rapporto tra uomo e natura; è uno studio etimologico e antropologico sulla parola “selvaggio” (e quindi, conseguentemente, uno studio “politico” sulla nascita delittuosa della civiltà USA); è la cronistoria di una rinascita continua e di continuo dolore; è il diario di una vendetta anomala perché riesce a essere catartica senza essere vittoriosa. È la storia di un uomo che, superate una serie di prove terribili, assume la maestosa, selvaggia indifferenza della natura. È anche un film sul cinema e su un’idea di cinema: il piano-sequenza come modo più semplice eppure più difficile (a causa degli effetti speciali) per girare, ma anche come espediente drammatico senza eguali nella sua estrema continuità temporale. Un virtuosismo che cessa di essere fine a se stesso quando diventa un modo personale – e schierato – di raccontare una storia.

revenant-gallery-16-gallery-imageCerto, non mancano i difetti: lo sguardo a tratti compiaciuto che il regista pone sulla violenza, il talvolta programmatico gusto dello shock, due trovate – la visione in chiesa e il finale – che cedono a un facile (ma funzionale) pathos; ma, in fin dei conti, Revenant è prima di tutto un film “sensoriale”, e anche i suoi difetti contribuiscono a renderlo tale. Qualche giovane critico ha scomodato Tarantino, Anderson (Paul Thomas), senza accorgersi che il vero modello è il vecchio, “classicissimo” John Ford: è fordiana la struttura narrativa del pre-duello finale, è fordiano il complesso personaggio di Fitzgerald (che ricorda per certi versi l’Ethan di Wayne in Sentieri Selvaggi), è fordiana l’idea di un viaggio di rinascita che attraversa diverse stagioni e morfologie che sono anche luoghi/tempi dell’anima. Straordinaria performance di DiCaprio, che durante la realizzazione si è sottoposto a prove fisiche estenuanti. Anche perché Iňárritu, nella sua visione di un cinema esageratamente “reale”, ha girato sempre in scenari “veri” e mai dinnanzi ad uno schermo verde. Strepitosa anche la prova di Hardy, alle prese con un villain per niente scontato. Al risultato – e alla vena “classicheggiante” del film – contribuiscono senz’altro le musiche di Ryuichi Sakamoto, Carsten Nicolai e Bryce Dessner, la spericolata fotografia di Emmanuel Lubezki e il geniale montaggio di Stephen Mirrione. Tre premi Oscar: regia (per il secondo anno consecutivo) a Iňárritu, fotografia (per il terzo anno consecutivo) a Lubezki e attore protagonista a DiCaprio (finalmente). Astenersi stomaci deboli. Per tutti gli altri, un’esperienza che non si scorda. Voto

 

 

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Western e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...