La signora del venerdì

(His Girl Friday)

Regia di Howard Hawks

con Rosalind Russell (Hildegard “Hildy”, Johnson), Cary Grant (Walter Burns), Ralph Bellamy (Bruce Baldwin), Gene Lockhart (Sceriffo Peter B. Hartwell), Helen Mack (Molly Malloy), John Qualen (Earl Williams), Clarence Kolb (il sindaco), Porter Hall (Murphy), Ernest Truex (reporter), Alma Kruger (signora Baldwin).

PAESE: USA 1940
GENERE: Commedia
DURATA: 92’

Per trattenere la ex moglie giornalista che sta per sposarsi con un assicuratore e appendere la macchina da scrivere al chiodo, il caporedattore di un giornaletto di provincia la spedisce a intervistare un assassino condannato alla forca. Le cose si complicano quando il criminale evade prendendo in ostaggio proprio la donna…

Seconda versione cinematografica dalla commedia The Front Page (1928) di Ben Hecht e Charles MacArthur,  dopo quella di Lewis Milestone (1931) e prima di quella, decisamente più celebre, di Billy Wilder (1974) con Jack Lemmon e Walter Matthau. La sceneggiatura di Charles Lederer trasforma Hildy in una donna dando così il via a una screwball comedy in perfetto stile Hawks che ancora oggi colpisce per i dialoghi velocissimi e assai divertenti, per l’irriverente humor nero, per il sagace gioco dello scambio dei ruoli (la donna è forte e coscienziosa, gli uomini sono tutti pettegoli e primedonne), per l’intelligente satira di un mondo – quello del giornalismo – spietato e senz’anima. Quasi tutto ambientato in interni e in appena due set (la redazione nella prima parte, la sala stampa della prigione nella seconda), il film fu una scommessa anche a livello tecnico perché Hawks volle registrare tutti i dialoghi in presa diretta, impresa non facile visto che spessissimo si sovrappongono. C’è anche una memorabile trovata meta-cinematografica: riferendosi al personaggio di Bruce, Burns/Grant dice che somiglia a quell’attore famoso…Ralph Bellamy (Bruce è interpretato proprio da Bellamy!). Deliziosi i duetti tra Grant e la Russell. Il titolo originale è un riferimento a Robinson Crusoe , che chiama il suo servo  Venerdì “My Man Friday”: “His Girl Friday” si potrebbe tradurre come “la sua ragazza del Venerdì” oppure “la sua fedele schiava”, chiaro riferimento al modo in cui Walter tratta Hildy. Spumeggiante.

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 1895 - 1970, Genere Commedia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...