1943 – 1997

Regia di Ettore Scola

con Claudio Fiori Cencioni, Francesco Cencioni

PAESE: Italia 1997
GENERE: Drammatico
DURATA: 9′

Roma, 1943. Durante un rastrellamento nel ghetto ebraico un bambino riesce a fuggire e a trovare riparo dentro un cinema. Sullo schermo scorrono, in ordine cronologico, una serie di capolavori del cinema (soprattutto italiano). A fine proiezione il bambino è diventato uomo. Un bambino di colore entra trafelato nel cinema: anche lui, come il protagonista bambino, è inseguito da qualcuno.

Realizzato da Scola in occasione della Giornata della Memoria, presentato al Quirinale e poi a Venezia all’interno dell’evento I corti italiani, è un piccolo corto in bianco e nero in cui il regista riflette su due temi da sempre cari al suo cinema: la storia di una nazione raccontata attraverso la storia del suo cinema e la circolarità del tempo (che qui prende forma nella reiterata persecuzione del diverso). Didascalico, forse, ma anche estremamente riuscito e più attuale che mai. I film che scorrono sullo schermo sono: Il grande dittatore, Roma città aperta, Ladri di biciclette, I soliti ignoti, Il sorpasso, Il gattopardo, Amarcord, Una giornata particolare, Ricomincio da tre, Nuovo cinema Paradiso, Palombella Rossa, Il ladro di bambini, La tregua. Da far vedere nelle scuole.

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 1971 - 2000, Genere Drammatico e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...