Stranger Things – Stagione 1

(Stranger Things)strangerthingsposter

Regia di registi vari

con Winona Ryder (Joyce Byers), David Harbour (Jim Hopper), Finn Wolfhard (Mike Wheeler), Millie Bobbie Brown (Undici), Gaten Matarazzo (Dustin), Caleb McLaughlin (Lucas), Natalia Dyer (Nancy Wheeler), Charlie Heaton (Jonathan Byers), Cara Buono (Mrs Wheeler), Matthew Modine (dottor Martin Brenner).

PAESE: USA 2016
GENERE: Fantastico
DURATA: 47′ – 51 (episodio)

Se siete nati tra il 1970 e il 1990 è probabile che in questi giorni abbiate la bacheca di Facebook intasata di commenti inerenti a Stranger Things, una miniserie di 8 episodi prodotta da Netflix. La serie è ambientata nel 1983 a Hawkins, una cittadina immaginaria dell’Indiana in cui cominciano ad accadere – ovviamente – “cose strane”: il giovane Will Byers che sparisce nel nulla, la piccola Undici che sbuca dal nulla e ha poteri sovrumani (e per questo è inseguita da un inquietante scienziato che comanda un ancor più inquietante laboratorio), le apparizioni di un mostro terrificante, il piccolo Will che sembra parlare alla madre da un luogo lontanissimo. Aggiungere altri particolari significherebbe rovinare la sorpresa, e quindi ci fermiamo qui. Di sicuro però gli elementi elencati possono, da soli, stuzzicare gli spettatori. Soprattutto quelli nati – appunto – tra il 1970 e il 1990. Perchè proprio loro? Perchè Stranger Things nasce con l’intenzione di ricreare (e omaggiare) quel clima tipico dei film fantastici degli anni ’80. I Duffer Brothers (classe 1984), creatori della serie e registi di sei episodi, hanno frullato l’immaginario di chi fu Undici(enne) negli anni 80′ e ’90 e creato uno spettacolo allo stesso tempo nostalgico e divertito, spaventoso quanto rassicurante.

Boys-In-rain.r

I modelli principali (e da cui si saccheggia a piene mani) sono E.T. di Spielberg, Explorers di Joe Dante, I Goonies di Donner, Stand By Me di Reiner, Poltergeist di Hopper, Fenomeni paranormali incontrollabili di Lester, ma anche tutto lo scibile kinghiano (da Stephen King), che dei film qui sopra era stato, direttamente o meno, fonte d’ispirazione. E poi il Carpenter di Halloween, il Craven di Nightmare, il Cronenberg di Scanners, Fringe, X-Files, Minority Report. Qualcuno potrebbe affermare che il troppo stroppia, ma nel farlo non terrebbe conto del fatto che a) le citazioni sono ben amalgamate nel flusso del racconto, e così facendo si evita la trappola dell’ammucchio fine a se stesso (vedi alla voce Super 8); b) l’intento è chiaro e sincero, ovvero ricreare e ritrovare un’idea di paura “sana” e adatta a tutti che oggi sembra perduta. E infatti il target non sono tanto i ragazzini di oggi quanto i ragazzini di ieri, che si ritrovano catapultati in un tipo di racconto che da tempo non esiste più. Al di là del gioco di citazioni e del meccanismo identificativo, Stranger Things funziona anche e soprattutto perché ha una tenuta narrativa invidiabile: ovvero fa paura, diverte, appassiona e non conosce cali di tensione.

stranger-things-1In una squadra di attori bravissimi e con la faccia giusta spicca l’undicenne Millie Bobby Brown, una vera rivelazione. Gli unici davvero famosi sono Modine e la Ryder, piacevoli conferme. Perfetti anche i ragazzini e il roccioso Harbour. Musiche assolutamente strepitose di Michael Stein e Kyle Dixo, che si sono ispirati al sintetizzatore delle soundtracks di Carpenter. Nonostante qualche inverosimiglianza e qualche passo un po’ forzato (ma in fin dei conti non erano difetti anche dei film di Spielberg?), questo Stranger Things rimane un imperdibile chicca. Che, lo diciamo senza amarezza ma con un filo di nostalgia, ci ha riportato a uno spettacolo magnifico che i ragazzini di oggi non assaporano più. Complimenti a Netflix, che sta sfornando una “serie di serie” davvero notevoli. Grande successo di critica e pubblico.

Voto

Annunci

Informazioni su nehovistecose

Liberi Pensieri Cinematografici
Questa voce è stata pubblicata in 2000 - oggi, Genere Fantastico, Serie Televisive e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Stranger Things – Stagione 1

  1. Marcello Trombetti ha detto:

    Fantastica questa serie e non vedo l’ ora di vedere la seconda stagione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...